UNIVERSITA’ E RICERCA: IBM E POLITECNICO DI TORINO INVESTONO SUL FUTURO

Attività di ricerca congiunta e di formazione per il prossimo triennio, anche in risposta alla difficile fase economica nazionale: è su queste basi che oggi, al Castello del Valentino, il Rettore del Politecnico di Torino, Francesco Profumo, e il presidente e amministratore delegato di IBM Italia Luciano Martucci hanno firmato la convenzione quadro 2008-2011. L’ampio accordo suggella un proficuo rapporto avviato nel 2001 e prevede che le due organizzazioni diano ulteriore impulso alla collaborazione scientifica per lo sviluppo di tecnologia innovativa e di programmi per la didattica, investendo quindi in conoscenza, elemento chiave per un sistema territoriale – sia locale sia nazionale – che deve crescere per salvaguardare la propria competitività e per guardare al futuro.

“Alla luce di specificità proprie – dichiara Luciano Martucci – la partnership con il Politecnico di Torino rispecchia l’impegno che IBM continuamente profonde con le migliori Università del mondo per creare sinergie utili al processo di innovazione di cui, ognuno dei 170 paesi in cui operiamo, ha bisogno per il suo sviluppo. I risultati ottenuti in questi 7 anni ci dicono che qui ci sono intelligenze e risorse preziose, di cui noi stessi abbiamo bisogno. Al Politecnico di Torino – conclude Martucci – offriamo l’accesso a un sistema che alla ricerca per l’IT dedica oltre 6 miliardi di dollari all’anno, con oltre 3000 addetti, 5 dei quali insigniti del Premio Nobel, e un network di 8 Centri nei cinque continenti più 24 laboratori, uno dei quali proprio in Italia. Una realtà che, per il 15° anno consecutivo, detiene la leadership nel numero di brevetti depositati negli Usa”.

Soddisfatto il Rettore del Politecnico, Francesco Profumo: “L’accordo con IBM, che oggi si arricchisce ulteriormente dopo anni di collaborazione, rappresenta un punto importante per la crescita del nostro Ateneo, sempre più orientato alla collaborazione con aziende leader nel settore tecnologico. Nel quadro di un’economia globale, un’alleanza salda e sinergica tra sistema della ricerca, formazione e mondo produttivo è l’unico modo per diventare competitivi nell’innovazione e nel trasferimento tecnologico”.

Nello specifico, gli ambiti di ricerca in cui sviluppare progetti congiunti restano l’elettronica e la fisica, con particolare riferimento alle micro e nanotecnologie, attraverso la collaborazione tra i due dipartimenti del Politecnico cui afferiscono questi settori e tre Laboratori IBM, due negli Usa e uno in Germania.

Altrettanto importanti i contenuti relativi alla formazione, con progetti per tesi di laurea in nanotecnologie per le ICT da svolgere presso il Laboratorio IBM di Almaden (California), di formazione su ERP – insieme a SAP Italia Consulting, società IBM – di didattica sulla Scienza dei Servizi e, infine, di sperimentazione su nuovi paradigmi (e-learning, social networking e tecniche innovative di architetture di sistemi) con la creazione di uno smart campus presso il Politecnico.

Ambiti e progetti per i quali l’ateneo subalpino ha già ottenuto in passato riconoscimenti dall’azienda americana tra il 2002 e il 2005, con il conferimento di 4 Faculty Award, premi in denaro a docenti e ricercatori impegnati nella Computer Science. Inoltre il Politecnico di Torino ha vinto due SUR (Shared University Research) Grant IBM, uno l’anno scorso e l’altro proprio quest’anno per il Dipartimento di Elettronica e in particolare per il gruppo di ricerca del prof. Stefano Grivet Talocia.

Ossatura portante degli studi per i quali è stato riconosciuto questo premio, costituito da finanziamenti per la donazione di hardware a sostegno di progetti di ricerca, è l’High Performance Computing, area nella quale IBM detiene la leadership con le 15 prime posizioni nella classica dei 500 supercomputer più potenti del mondo (il numero uno ha prestazioni a regime di 1,02 petaflops cioè 1,02 quadrilioni di calcoli al secondo).
E per l’occasione, in seno al workshop pomeridiano “Present and future of High Performance Computing – Trends, Challenges, and Opportunities” interverrà George Katopis, Distinguished Engineer, IBM Systems Group presso il centro IBM di Poughkeepsie, USA.

Oltre ai SUR Grant e ai Faculty Award, IBM metterà a disposizione del Politecnico l’accesso alla sua Academic Initiative, programma attraverso il quale è possibile il download gratuito di prodotti software per fini didattici e di ricerca.

fonte ibm.it

Advertisements
Pubblicato su novità. Tag: . Leave a Comment »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: