Immagini windows 7

Nel corso della Professional Developer’s Conference (PDC) 2008, tenuta a Los Angeles dal 27 al 30 ottobre 2008, Microsoft ha rilasciato una versione pre-beta di Windows 7 ed ha mostrato molte funzionalità e impostazioni del futuro sistema operativo che, come ha detto un dirigente di Microsoft, “sarà come Vista, solo meglio”.
In questa galleria di immagini mostriamo l’interfaccia e molte delle funzionalità di Windows 7, così come mostra al pubblico degli sviluppatori presenti.Innanzi tutto è sparita la ingombrante ed inutile “sidebar” che avrebbe dovuto occupare la parte destra del monitor in Vista, con “gadget” come orologio, notizie o meteo, che praticamente nessuno degli utilizzatori di Vista aveva attivato: era così larga che trasformava un moderno monitor LCD rettangolare a vista panoramica in un ristretto monitor quadrato.Anche la “sfera” del menu start e lo stesso menu Start sono stati ridisegnati con un aspetto più moderno. L’impostazione generale dell’interfaccia è comunque la stessa di Vista, con un aspetto “aero” che in Vista si poteva disabilitare ma che in Windows 7 è onnipresente.

Jump list: si tratta di menu a tendina che appaiono quando si clicca con il tasto destro del mouse su uno degli elementi che appaiono nel menu di avvio veloce. Invece di apparire funzioni generiche della barra, ora appaiono anche funzioni specifiche dell’applicazione su cui si fa click destro.

Windows Media Player: oltre al restyling, ci sono due versioni, una più piccola ed una più estesa, con la libreria dei file audio o video integrata, e si può gestire anche con le Jump list dalla taskbar in basso.

Finestre: se abbiamo due finestre aperte e si accostano, queste si allineano automaticamente lato a lato. Se abbiamo una finestra aperta e la accostiamo ad uno dei bordi o degli angoli del monitor, si allinea automaticamente al bordo o all’angolo, anche se portiamo la finestra di poco fuori del monitor questa tornerà indietro posizionandosi esattamente sul bordo. Se portiamo la finestra vicino al bordo superiore, la finestra si ingrandirà a pieno schermo.Se si usa Windows 7 su monitor touch, cioè usando le dita invece del mouse, menu ed elementi di scelta saranno il 25% più grandi di quando usiamo il mouse per facilitare l’uso con le dita.

Multitouch: è possibile usare contemporaneamente due o più dita sul monitor per attivare specifiche funzionalità od anche solo per disegnare o per selezionare. Si può suonare il pianoforte su una tastiera virtuale, oppure ridimensionare o deformare una foto usando più dita. C’è da scoprire quanto di questa funzionalità sarà combattuta da Apple, che è stata la prima ad introdurla nell’iPod, a suon di cause per infrazione alla registrazione del brevetto. Microsoft non fa commenti al proposito.

Trasparenza: avendo più finestre aperte sul desktop, o finestre ed altri oggetti, vi è un effetto trasparenza che consente la visione delle finestre o degli oggetti sottostanti. Una funzione “aero” che in Vista pochi avevano attivato perché appesantiva e rallentava la visualizzazione.

Gadget: non essendoci più la sidebar, ora i gadget (o “widget”) come orologio, notizie o meteo possono essere tenuti sul desktop dove più fa comodo.

Colori traslucidi: anche se gli utenti non sembrano della stessa idea, la Microsoft sostiene che i colori traslucidi siano stati un grande successo e che siano molto graditi dagli utenti, così tutta l’interfaccia di Windows 7, icone, menu, finestre e dialoghi, ha i colori traslucidi come se fossero di vetro

Temi: c’è una gestione migliore dei temi, con la possibilità di personalizzare ogni aspetto dell’interfaccia a seconda del tipo di formato o di uso di un file.

Librerie: c’è un uso più estero e flessibile delle librerie, intese come raccolte di file riuniti per lo stesso uso. Così vi sono librerie di immagini, video e vari tipi di documenti, riuniti in una unica finestra od in sotto-finestre anche se i relativi file sono sparsi in diverse cartelle od anche in differenti drive sia sul pc che in rete.

Ricerca estesa: la ricerca può estendersi, oltre che a dischi locali e di rete, anche alle cartelle condivise ed alle librerie condivise su altri pc. Il pannello di ricerca fornisce anche una anteprima del documento trovato.

Home Group: è possibile utilizzare la funzione Home Group per condividere fra gli utilizzatori i file che si trovano su diversi pc o dischi in rete. Un utente dell’Home Group vede le librerie di questo gruppo indipendentemente dal drive e dal pc su cui fisicamente si trovano, come se fossero in una unica libreria. Home Group condivide, inoltre, anche le periferiche. Se una periferica è condivisa in Home Group, gli utenti la possono usare come se fosse collegata al proprio pc.E’ una funzionalità realizzata avendo in mente non l’ambiente d’ufficio, ma quello di casa, con diversi pc (uno nello studio del padre, uno in salotto come media extender collegato al televisore ed allo stereo, uno o più d’uno nella stanza dei figli collegati ai loro stereo e televisori. In questo modo è possibile ascoltare un brano o vedere un film dovunque indipendentemente da dove si trovi il file.Ovviamente sembra una funzionalità per una famiglia assolutamente non toccata dalla crisi economica, che si può permettere un pc per ogni stanza, più televisori e più stereo, e tenere sempre tutto acceso.

PlayTo: funzionalità simile al vecchio “SendTo” o “Invia a” per le stampanti di rete. PalyTo Consente di eseguire un brano od un video inviandolo dal pc ad un dispositivo come uno stereo od un televisore facendo click destro su un pc anche in una stanza diversa e selezionando “PlayTo” e scegliendo il dispositivo su cui riprodurlo da un elenco di stereo o televisori. Con librerie, Home Group e PlayTo, è possibile che il padre sul suo pc nello studio avvii l’esecuzione di un film che risiede sul pc del figlio facendo visualizzare su un televisore tramite il media extender che sta in salotto.

Gestione periferiche: ora le periferiche hanno un pannello di gestione molto particolareggiato, che ne include sia le caratteristiche peculiari sia la sincronizzazione con il pc. Registrando uno smartphone come periferica, nel pannello si gestione avrà la sincronizzazione dei dati, la condivisione delle cartelle, il trasferimento o la modifica delle immagini, dei file audio, delle suonerie… ma anche la modifica dei settaggi interni della periferica (sempre che lo smartphone abbia abbia Windows Mobile), sapere quanti SMS ci sono, quant’è la carica della batteria e quale sia il livello del segnale. Inoltre, e questo è demandato ai costruttori delle periferiche che lo dovranno integrare nei driver, una immagine reale del modello della periferica. Inoltre nella parte bassa del pannello di gestione della periferica vi è una zona a disposizione dei produttori di periferiche per software (che risieda sul pc o sulla periferica) di utilità per l’uso della periferica (ad esempio il check di una stampante od i programmi per l’uso di uno scanner, o l’agenda contatti per uno smarthphone) eseguibili direttamente dal pc.

Gestioni connessioni: Microsoft ha messo grande enfasi nel nuovo pannello di gestione delle connessioni di rete, soprattutto wireless, che consente una velocità ed una funzionalità molto maggiore di Vista.
Applicazioni: molte delle novità di Windows 7 si trasmettono alle applicazioni, così c’è il nuovo Internet Explorer 8, con la ricerca attiva durante la digitazione e un nuovo sistema di finestre a schede, un nuovo Paint, un nuovo MSN Messenger, e vi sarà anche un nuovo Office in linea con la nuova interfaccia.

Scalabilità: una delle grosse critiche di Vista è stata che era impossibile usarla sui computer esistenti al momento del suo rilascio e che poteva essere usata solo sui pc nuovi e potenti. Vista era inoltre incompatibile con la maggior parte del software e dell’hardware esistente. Windows 7 promette di essere scalabile anche sui vecchi pc poco potenti e di essere compatibile con molto dell’hardware esistente.

fonte

blog.wordpress.com

Annunci