IBM – dati statistici sugli investimenti nel mondo

 Escono oggi i risultati dello studio annuale “Global Location Trends”, il quale evidenzia che le aziende multinazionali stanno sempre più ampliando l’orizzonte geografico dei loro investimenti includendo alcuni tra i Paesi emergenti, con una notevole crescita dell’America Latina e dell’Africa.

 

I risultati dello studio rilevano che Africa e America Latina insieme hanno ottenuto nel 2007 approssimativamente il 17% dei posti di lavoro creati grazie ad investimenti esteri rispetto al 13% del 2006.
L’Africa in particolar modo ha visto una crescita considerevole in posti di lavoro originati da investimenti esteri, principalmente in Sud Africa e in Marocco, in Egitto e in Nord Africa.  
Tra le diverse regioni geografiche, molti Paesi emergenti dal punto di vista economico stanno rivaleggiando fortemente per contendersi gli investimenti esteri. Il sud est europeo, in particolare la Serbia, è divenuto il maggior destinatario di investimenti, visto che sempre più queste zone sono viste come alternative ai tradizionali hot spot dell’Est Europa.
 
Complessivamente, il settore al top della graduatoria nel quale sono stati creati, attraverso investimenti esteri, il maggior numero di posti di lavoro è quello dei trasporti (specialmente automobilistico e aereospaziale) con 200.000 posti in totale. Il Messico è la principale destinazione per questo settore con circa 26.000 nuovi posti, nella seconda posizione gli Stati Uniti con 22.000. I settori al 2° e 3° posto sono l’elettronica con 190.000 posti e l’ICT con 180.000.
 
Il settore dell’energia rinnovabile si sta velocemente sviluppando in un’idustria di peso. Da segnalare che il sotto-settore dell’energia solare si sta rapidamente evolvendo in una potente macchina per lo sviluppo economico di molte regioni nel mondo, con circa 15.000 posti di lavoro creati a seguito di progetti esteri annunciati durante il 2007.
 in evidenza:
  • Gli Stati Uniti restano la prima economia nella creazione di posti di lavoro nel mondo, con aziende americane che sono responsabili del 25% degli 1.2 milioni di posti di lavoro creati attraverso investimenti all’estero nel 2007; seguono il Giappone e la Germania con rispettivamente il 12% e l’11%.
  • L’India e la Cina stanno gradualmente incrementando il loro ruolo come economie che generano lavoro – insieme sono responsabili del 6.5% dei posti di lavoro creati nel 2007attraverso investimenti all’estero, comparati al 3.7% del 2006.
  • Le aziende indiane focalizzano i loro investimenti principalmente in Cina e negli Stati Uniti, mentre le imprese cinesi mostrano una maggiore distribuzione delle loro attività di investimento.
Fonte IBM
 
Annunci